Passeggino e running: di corsa con tuo figlio!

Vita e storie di una mamma runner

Correre col passeggino è l'attività del momento per le neomamme che amano mantenersi in forma. Qualche consiglio per un'attività sana e divertente!

Correre col passeggino è l’attività del momento per le neo-mamme che amano mantenersi in forma. Qualche consiglio per un’attività sana e divertente!

Per molti genitori italiani la sola idea è una follia: correre con un passeggino? Ma siamo impazziti?

Alcuni pensano che il bambino prenderà freddo, o caldo, o vento, e si ammalerà. Altri temono incidenti, catastrofi, scene da Corazzata Potemkin (il passeggino che precipita dalle scale… gli occhi della madre…).

In realtà, questa moda che sta prendendo piede in Nord Europa è tutt’altro che una cattiva idea.

Permette prima di tutto di continuare a fare attività fisica rimanendo in compagnia dei nostri bambini.

Inoltre è un ottimo modo per farlo insieme ad altre mamme, vivendo in un colpo solo un’esperienza di socializzazione, benessere e divertimento sia per noi che per i nostri figli.

Sfatando subito un mito, correre con il passeggino non è pericoloso, se fatto nel modo giusto e con l’attrezzatura giusta.

Lo stroller running (si chiama così, in inglese) è un’attività innovativa che mi auguro prende piede anche alle nostre latitudini.

Intanto ecco il decalogo fondamentale per ottenere il massimo della sicurezza e del divertimento.

1. Età giusta

L’età minima del bambino deve essere tra i sei e i nove mesi.

Una neomamma dovrebbe aspettare circa otto settimane dopo il parto, e comunque consultare prima sia il pediatra che il ginecologo.

2. Passeggino da corsa

Il passeggino adatto per la corsa non è quello classico da città.

Questo è il dato più importante: va acquistato l’apposito passeggino da corsa, a tre o quattro ruote sportive, più resistenti della media, con un freno a mano sul maniglione e più ammortizzati.

Nel modello a tre ruote, si consiglia di bloccare la ruota anteriore quando si corre.

Ci sono modelli da strada asfaltata e altri da sterrato.

3. Abbigliamento adeguato

Vestiti in modo adeguato alla stagione, portando sempre con te crema solare d’estate e burro di cacao d’inverno, sia per te che per il bambino.

Niente paura se piove un po’, ma meglio evitare caldo o freddo eccessivo, o precipitazioni intense, e vestite adeguatamente il bambino.

Niente coperte per il passeggino: rischiano di scivolare tra le ruote creando pericoli. Meglio usare coprigambe e altri accessori protettivi del passeggino.

Tieni conto del fatto che mentre corri ti scaldi, ma tuo figlio no: lui non sta correndo! Scegli l’abbigliamento giusto tenendo conto di questo fattore.

Per il resto, segui il buonsenso: un cappellino e protezione solare d’estate, parasole per il caldo e parapioggia con il brutto tempo.

4. Niente cuffie.

Ascoltare i rumori circostanti è una norma di sicurezza base anche se corri da sola, a maggior ragione quando corri col pargoletto, che potrebbe manifestare il suo disagio o delle esigenze specifiche.

Non solo: mentre correte è bello parlargli, o magari cantare insieme la sua canzone preferita.

5. Studia la presa

Trova la tua modalità di corsa, ricordandoti di tenere una presa non rigida, leggera sul maniglione, magari assicurando al braccio il passeggino con un cinturino da polso, in modo che non ti sfugga mai di mano.

Evita la tentazione di “appoggiarti” al passeggino, quasi sorreggendoti quando sei stanca: la postura giusta è eretta, petto in fuori, gomiti piegati e, soprattutto, mai usare una mano sola quando corri in salita e discesa.

6. Niente folla

Correre con il passeggino deve essere un momento piacevole, non stressante. Niente strade affollate, o marciapiedi gremiti: l’ideale sono i sentieri dei parchi cittadini.

7. Occhio (e orecchio) al pargolo

I più piccoli di solito, durante la corsa, dormono.Un buon momento per correre, quindi, è l’ora del riposino.

I più grandi, invece, si guarderanno intorno, interagiranno, scoprendo il mondo in un modo diverso: usa quest’occasione per rispondere alle sue domande, cantare insieme, trovare giochi, farti raccontare cosa sta vedendo.

Se non è proprio giornata, e il piccolo si lamenta o non vuole stare a sedere, beh… meglio rimandare. Lo stroller running dev’essere un piacere per entrambi!

8. Tappe intermedie

A meno che non dorma, dopo un po’ tuo figlio avrà voglia di sgranchirsi le gambe e magari giocare un po’.

Prevedi sempre delle tappe di sosta al parco, di cui approfitterai per fare un po’ di stretching.

Per la stessa ragione, non prevedere itinerari troppo lunghi o faticosi.

9. Manutenzione

Le solite cose: controllo generale del mezzo, per essere sicura che non ci siano danni, viti allentate, incrinature o altro; lubrifica periodicamente gli ammortizzatori e, ogni volta che esci, controlla che le gomme siano gonfie. Tutto qui!

10. Preparazione

Idratati sempre, sia prima che durante la corsa. Fai esercizi di stretching sia prima che dopo, magari usando proprio il maniglione del passeggino come appoggio.

Leggi anche:

Fonte di riferimento

Quando corri in strada (senza passeggino) ricordati di attivare SmanApp, per segnalare la tua presenza agli automobilisti e diminuire così il rischio di incidenti o distrazioni. SmanApp: la sicurezza è a portata di click!

Correre è bello, con SmanApp è meglio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *