Nuovo Codice della Strada: a che punto siamo?

Si entra nel vivo delle modifiche al nuovo Codice della Strada, ancora però con ampi margini di modifica, alcune conferme e qualche novità.

Prosegue l’iter del nuovo Codice della Strada, che dovrebbe essere operativo entro la fine del 2019.

Per il momento, queste sono le novità previste:

  • Fortunatamente l’idea di alzare i limiti di velocità in autostrada non è stata portata avanti (vedi articolo).
  • Nemmeno l’ipotesi di divieto di fumo in auto è rimasta nel testo, e anche in questo caso siamo generalmente d’accordo (vedi articolo).
  • Tra le novità principali, un giro di vite sull’uso di smartphone alla guida, che va sicuramente nella giusta direzione, prevedendo, oltre all’aumento delle sanzioni, anche la sospensione della patente. Ancora i termini di questi aggravamenti sono in corso d’opera, si parla di sospensioni da 7 a 30 giorni, con aumento in caso di recidiva, e multe che potranno arrivare fino a 1697 euro.
  • Permesso per i maggiorenni di guidare in autostrada i ciclomotori 125.
  • Obbligo di casco in bicicletta per i bambini fino ai 12 anni.
  • Cancellazione dell’obbligo di anabbaglianti anche di giorno per le auto fuori dai centri abitati.
  • Possibilità di andare in autostrada per le moto elettriche.
  • Inserimento di casistiche per monopattini, skate e hoverboard, in modo da riempire l’attuale vuoto normativo che li accomuna a generici “acceleratori di velocità.

Inoltre, si andrà verso un inasprimento delle multe per la guida senza assicurazione, mentre arriva una buona notizia per chi è in possesso di automezzi storici, con l’abolizione della tassa di possesso.

L’agente caritatevole

Oltre a queste novità, piuttosto rilevanti, il nuovo Codice prevederà altre variazioni, come la possibilità di notifica delle multe tramite posta elettronica certificata (PEC), ma solo per i conducenti che ne sono in possesso, e la scomparsa del rischio di indagine per abuso d’ufficio per gli agenti che decidono di “sorvolare” su un’infrazione veniale (il classico “per questa volta vada, ma stia più attento!”).

Fino a questo momento, infatti, l’agente dal cuore tenero rischiava di essere indagato, in quanto il suo comportamento avrebbe avvantaggiato indebitamente l’automobilista reo.

Questa iniziativa ha il pregio di mantenere il “fattore umano”, quel minimo di discrezionalità fondamentale quando ci si trova a dover valutare la gravità dei comportamenti, impedendo all’agente di rischiare conseguenze.

D’altro canto, però, lascia un dubbio: e se il vigile ferma un amico, o un personaggio famoso (“Lei non sa chi sono io!”), e decide di non perseguirlo per una sorta di conflitto d’interesse?

Monopattini & Co.

Una norma destinata sicuramente a fare rumore è quella che permette la circolazione a monopattini, skate e hoverboard, finora confinati nei percorsi autorizzati ma non utilizzabili né in strada, né sui marciapiedi né sulle ciclabili.

Sarà da vedere a questo punto quale sarà la scelta definitiva per quanto riguarda l’utilizzo di questi mezzi innovativi, stabilendo su quali tipi di strada e a quale velocità possono andare.

In molte parti d’Europa (a Vienna, per esempio) del resto, il monopattino è da qualche tempo un mezzo molto utilizzato in modalità “shared”, tanto da essere inserito tra le modalità possibili da Google Maps, come alternativa a usare auto, piedi o mezzi pubblici.

Al momento, comunque, è difficile dire di più, visto che non sono ancora noti i dettagli della nuova normativa: ne sapremo di più al prossimo aggiornamento!

Quando sei alla guida, oltre a rispettare sempre il Codice, attiva SmanApp per ricevere utili segnali audio della presenza di gruppi di runner, ciclisti, lavori in corso, incidenti segnalati dai membri della nostra community.

Guidare è bello, con SmanApp è meglio!

Se ti è piaciuto, condividilo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *