I 5 migliori percorsi italiani di trekking

Uno scorcio mozzafiato della Val Gardena: il Sassolungo

Non solo arte e cibo: l’Italia è anche un vero paradiso per camminatori. Ecco i cinque migliori percorsi di trekking italiani secondo la stampa estera!

Mi piace molto vedermi “da fuori”, scoprire come mi percepiscono gli altri.

Per questo, talvolta cerco di scoprire cosa ama di più dell’Italia il turista proveniente da altri Paesi.

Il trucco è semplice: se voglio scoprire i migliori – per dire – negozi di scarpe di Milano, ristoranti di Firenze o alberghi di Roma, anziché digitarlo su Google la richiesta in lingua italiana, lo cerco in un’altra lingua, per esempio l’inglese.

In questo modo, sarà facile trovare siti non tricolori che propongono ai propri visitatori la loro esperienza nel nostro Paese.

A volte ci sono pessime sorprese (ristoranti spennaturisti spacciati per templi della cucina italica…), ma in qualche caso l’occhio esterno permette di scoprire qualche cosa che noi, abituati all’enorme quantità di bellezze naturali, artistiche, paesaggistiche, non notiamo nemmeno più.

L’esperimento del giorno riguarda il trekking, il trail e l’hiking, tutte varianti del concetto di “corsa o vigorosa camminata in luoghi suggestivi”: quali sono, secondo la stampa e i blogger stranieri, i luoghi migliori d’Italia per praticare quest’attività?

Così ho “scosso” un po’ l’albero della rete, e questo è il risultato.

Cinque Terre, Liguria

Sicuramente la più nota attrazione ligure, le Cinque Terre sono una meta da visitare con qualunque mezzo possibile.

Cinque meravigliosi villaggi di pescatori dai colori sgargianti abbarbicati sul mare splendente, con scenari unici al mondo.

Il modo migliore per visitarli? Un bel percorso di trekking che li unisce tutti, chiamato “Sentiero Azzurro”, che si dipana da Riomaggiore a Monterosso, tra scogliere ripide e vertiginose.

Le Tre Cime di Lavaredo, Dolomiti

Se si parla di percorsi di trail, niente batte le Dolomiti. I percorsi migliori si trovano all’altezza delle Tre Cime, nel Parco Naturale delle Dolomiti di Sesto.

Vi aspettano Montagne possenti che toccano le nuvole, foreste antichissime e laghi montani incastonati come gioielli.

Per chi è ben allenato vedere anche l’Alta Via, un percorso d’alta quota di trail per veri esperti che parte dal sublime lago di Braies e raggiunge la città di Belluno.

Sentiero degli Dei, Costiera Amalfitana

Il nome dice molto della potenza visuale di questo percorso.

Scogliere enormi, viste mozzafiato dei monti Lattari che si tuffano nel mediterraneo, viste di Capri: il sentiero, che porta da Positano a Praiano, affonda in piantagioni di limoni e piante di rosmarino. Una gioia per tutti i sensi.

Stromboli, Sicilia

La perla delle Eolie, uno dei tre vulcani attivi d’Italia, è una meta unica per gli amanti del trekking.

In particolare, il percorso che porta al cratere. Naturalmente la possibilità di percorrere tale sentiero è vincolata all’attività dello Stromboli.

Una bella giornata di sole, il mare blu che contrasta con le nere rocce vulcaniche. Un luogo di rara suggestione.

In generale, comunque, tutta la Sicilia è una splendida metà per i trekkers, sia per gli amanti della montagna (Etna, Madonie, Nebrodi) che per i camminatori da bosco e foresta (parchi delle Madonie e dei Nebrodi), senza trascurare il facile e pianeggiante sentiero della riserva di Vendicari, lungo la costa.

Toscana

Nota forse più per le città d’arte che per i percorsi naturalistici, ma a torto: se il Renaissance Ring Trail si immerge nelle campagni intorno a Firenze e il Chianti Trail si tuffa senza esitare in un itinerario tra i vigneti punteggiato da borghi medievali, la meno conosciuta Val d’Orcia vi accoglierà in un tripudio di morbide colline coltivate dai gialli, ocra e verdi smaglianti.

Fonti di riferimento

In qualunque parte d’Italia tu sia, quando sei in strada ricordati di attivare SmanApp, per segnalare la tua presenza agli automobilisti e ridurre il rischio di incidenti e imprevisti.

Il trekking è bello, con SmanApp è meglio!

Se ti è piaciuto, condividilo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *