10 posti dove NON guidare

Per chi ama viaggiare, ma anche guidare in sicurezza, ecco una lista dei principali paesi dove è molto meglio non mettersi al volante.

Il dato viene dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità), e riporta la quantità di vittime della strada per 100.000 abitanti, segnalando i paesi col massimo tasso di rischio per quanto riguarda la sicurezza stradale.

In questi Stati, insomma, meglio muoversi con altri mezzi…

1. Niue

Sinceramente, non avevo mai sentito nominare questa minuscola isola del Pacifico, che si trova dalle parti dalle Tonga e delle Samoa.

Con un tasso di oltre 68 morti per 100.000 abitanti ogni anno, si colloca curiosamente in testa alla classifica.

Ora, va detto che di abitanti Niue ne conta 1200, quindi la statistica è alquanto discutibile. Bastano un paio di vittime l’anno per far schizzare in alto il dato!

Comunque sia, il record è loro.

2. Repubblica Dominicana

I morti su 100000 abitanti l’anno qui sono oltre 41. La particolarità, da queste parti, è l’alta quantità di incidenti con impatto laterale.

Motivo? Il semaforo rosso, normalmente, viene visto come un suggerimento, non come un obbligo.

3. Thailandia

La statistica è segnata in particolare da alcuni gravi incidenti con molte vittime avvenute in tempi recenti, ma è un fatto che il Codice sia ampiamente disatteso e che le strade siano ben poco sicure.

4. Venezuela

Un dato di 37 morti su 100000, un parco auto vecchissimo, il clima tropicale che contribuisce all’usura dei mezzi e un tasso di criminalità decisamente alto.

Tutti ottimi motivi per evitare di mettersi al volante in Venezuela.

5. Iran

L’età media bassa (28 anni) le condizioni delle strade e una serie di vari fattori di rischio rende anche l’Iran un luogo poco salubre per la guida.

6. Nigeria

Qui il tasso è di 34 morti per 100000 abitanti. Oltre a cause comuni con altri paesi tropicali (anzianità dei mezzi, clima torrido), va segnalata l’età media bassissima (poco più di 18 anni), che si collega a una guida più spericolata e inesperta.

Al di là di questo, in Nigeria la mortalità al volante è solo uno dei tanti fattori di rischio, dagli omicidi alle condizioni sanitarie. Non proprio un paradiso.

7. Iraq

Verrebbe da dire che gli incidenti stradali siano il minore dei problemi di questo tormentato paese. Tant’è, il dato di 31 vittime su 100000 rileva che anche nei pochi momenti in cui le milizie contrapposte non si scontrano, c’è poco da stare allegri.

8. Guinea Bissau

Benché poco abitata, anche questa piccola nazione fa parte della poco invidiabile classifica dell’OMS. L’età media della popolazione, solo 19 anni, può contribuire a spiegare l’alto tasso di incidenti.

9. Oman

Questo piccolo Stato ha un problema particolare, che negli anni ha causato un numero molto alto di sinistri: le tempeste di sabbia, frequenti durante l’estate e responsabili di molti incidenti.

10. Ciad

Quarantamila chilometri di strade, decisamente mal tenute, una popolazione che per metà non supera i quattordici anni e circa 300 morti l’anno per una popolazione di undici milioni di persone.

Questo il quadro di uno degli stati più poveri dell’Africa, e meno sicuri alla guida.

E in Europa?

Stiamo, come si vede, parlando di Paesi con enormi problemi di sicurezza che vanno ampiamente al di là del fattore traffico.

Potrebbe esserci di conforto, visto che si parla in generale di paesi molto lontani e poco battuti dal turismo, ma le statistiche, purtroppo per noi, evidenziano un altro dato, questa volta europeo: i posti peggiori per guidare, nel Vecchio Continente, sono essenzialmente tre.

Stiamo parlando di Grecia, Cipro e, ahimé, Italia.

Insomma, pur non essendo nella top ten, anche da queste parti c’è poco da stare allegri.

Fonte di riferimento qui

SmanApp: la sicurezza stradale a portata di click!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *