Ciclisti responsabili: le regole d’oro

In risposta a chi dice “gli automobilisti fanno peggio”, la nostra posizione è semplice: le colpe dei guidatori non assolvono i ciclisti da comportamenti sbagliati.

Non smetteremo mai di ricordarlo: il Codice della Strada vale per tutti.

Basta scorrere il nostro blog per trovare molti interventi estremamente critici riguardo al comportamento di chi guida l’auto. In particolare, sull’uso criminogeno dello smartphone al volante.

Nonostante ciò, ogni qual volta condividamo sui social articoli che criticano abitudini pericolose di ciclisti o pedoni, ecco scatenarsi la polemica. L’obiezione più comune? “Ma allora gli automobilisti?”

Una volta per tutte: ognuno è responsabile dei suoi comportamenti. Basta col benaltrismo di chi si assolve dicendo che qualcun altro fa peggio.

I ciclisti, i runner, i pedoni, quando sono in strada devono seguire il Codice e, là dove non lo si trovi adeguato, impegnarsi per proporre dei cambiamenti. Infatti, è chiaro che le regole siano sempre in progress, e si evolvano a seconda dei tempi.

1. Renditi visibile

Dopo il tramonto mai scordare di indossare elementi catarifrangenti e retroriflettenti. Oltre, naturalmente, ad accendere sempre i fari.

2. Usa il campanello

Quando serve, usa le segnalazioni acustiche, senza paura.

3. Manutenzione al top

La bici deve essere sempre in ottime condizioni, specie lo stato di freni e gomme.

4. Guardati alle spalle

Lo specchietto retrovisore salva la vita: molti rischi possono arrivare da dietro.

5. Segnala gli spostamenti

Ogni volta che cambi direzione muovi il braccio per segnalarlo alle auto

6. W le piste ciclabili

Là dove ci sono piste ciclabili, usale. Per la tua sicurezza e per quella degli altri!

7. No Smartphone

Sembra assurdo anche doverlo dire, ma il cellulare, mentre pedali, è vietato

8. Mani sul manubrio

“Guarda mamma, senza mani!… Guarda mamma… senza denti!”. Così recitava una storiella che mi raccontavano da bambino. Nella sua brutale efficacia, mi ha sempre convinto parecchio.

9. Marciapiedi mai

Il marciapiede è il luogo del pedone come la ciclabile il luogo della bici. Se non è impossibile fare diversamente, sul marciapiede non si pedala. Nel caso, scendi e porta la bici a mano.

10. Vai piano

Le città non sono i luoghi adatti per le gare di velocità. Vai sempre ad andatura moderata.

11. Il codice vale anche per te

Anche per i ciclisti è vietato andare contromano e “bucare” semafori e strisce pedonali. Sembra impossibile, ma in molti si sentono esentati.

12. La strada è di tutti

Vuoi essere rispettato? Rispetta per primo gli altri. Segui tutte le regole di cui sopra, anche se tanti automobilisti non lo fanno. Ognuno risponde a se stesso e alla propria coscienza, oltre che al Codice della Strada.

13. Non complicarti la vita

Specie quando inizi ad andare in bici, evita strade molto trafficate e caotiche. Ogni cosa a suo tempo, prima acquisisci sicurezza in percorsi poco affollati, piste ciclabili tranquille e percorsi per ciclisti.

14. Attento ai pedoni!

Investire un pedone con la bici può fargli molto male, anche ucciderlo, oltre a mettere a rischio la tua stessa vita. Non fare ai pedoni ciò che lamenti di subire dagli automobilisti: il pedone è l’utente più fragile della strada, rispettalo.

15. Non sporcare

La strada non è il cassonetto di casa tua: niente cartacce, lattine, gomme da masticare lanciate in corsa.

16. Attento alle distrazioni altrui

I ciclisti devono avere cento occhi, visto che le distrazioni degli automobilisti possono essere frequenti e fatali. Non ti distrarre mai quando sei in strada.

17. In gruppo con giudizio

Ricorda che là dove possibile, al contrario di ciò che molti pensano, andare appaiati due a due è lecito. Non è sempre e comunque obbligatorio stare in fila indiana. Detto questo, evita di bloccare la strada in gruppi di ciclisti facendo salotto.

Ti è piaciuto? Leggi anche:

Fonti di riferimento

SmanApp segnala la tua presenza agli automobilisti quando sei in strada, diminuendo il rischio di incidenti e distrazioni.

Pedalare è bello, SmanApp è meglio!

Se ti è piaciuto, condividilo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *