Il Partner della Settimana: Umberto Maria Patalano, osteopata per passione

Un articolo su Ronaldo può cambiare la vita? Nel caso di Umberto Maria Patalano, osteopata d’eccellenza e Partner SmanApp, è accaduto!

Professionista competente ed entusiasta in un campo innovativo come l’osteopatia, il dottor Umberto Maria Patalano vive e lavora tra il centro e il sud Italia, in particolare Firenze e Ischia. Lo abbiamo intervistato per i lettori del nostro blog.

Iscritto al Registro Osteopati Italiani (R.O.I.) e alla Scuola Italiana di Osteopatia Pediatrica (S.I.O.P.) Meyer di Firenze, dal 2007 ad oggi ha conseguito vari corsi di specializzazione. E pensare che è nato tutto da un articolo della Gazzetta dello Sport…

L’osteopatia per molti è un po’ un “oggetto misterioso”, e tanti credono che abbia solo a che fare con le ossa. Ci aiuta a chiarire in cosa consiste questa disciplina?

“L’osteopatia è una professione sanitaria individuata ufficialmente nella legge 3/2018 basata su un approccio integrato e complementare alla medicina tradizionale. Viene fondata in America nel 1874 da Andrew Taylor Still.

“Per curare la malattia bisogna studiare quali sono i meccanismi che mantengono lo stato di salute del’uomo”

Partendo da questa definizione di Still, possiamo dire che secondo l’osteopatia il corpo ha in sé l’innata capacità di riequilibrarsi.

Il dolore secondo questo principio va indagato per comprenderne le cause, e mai soppresso. È invece necessario ascoltarlo, per arrivare alle cause primarie che lo hanno scatenato.

L’osteopatia è una disciplina che considera l’essere umano nel suo insieme e ha l’obiettivo di ripristinare un corretto “dialogo fra i sistemi del corpo che regolano lo stato di salute”.

L’osteopata, attraverso tecniche specifiche, stimola il ripristino della mobilità fisiologica a livello dei diversi sistemi (circolatorio, respiratorio, fasciale, nervoso, muscolo – scheletrico) che grazie a un’attività sinergica e coordinata regolano il normale funzionamento dell’ intero organismo”.

Come ha deciso di diventare osteopata e che percorso di studi ha fatto? Due parole sulla sua storia.

“L’interesse verso l’osteopatia nasce esattamente 20 anni fa dopo aver letto sulla “Gazzetta dello sport” un articolo riguardante l’infortunio del calciatore brasiliano Ronaldo.

Nello staff riabilitativo del calciatore veniva citato anche un osteopata e questa nuova figura professionale, da sportivo e appassionato di calcio, mi incuriosì.

Durante il percorso universitario, la passione verso le materie mediche ha preso il sopravvento su quelle sportive. Dopo la laurea quadriennale in scienze motorie, mi sono iscritto a osteopatia e parallelamente mi sono diplomato come preparatore atletico professionista di calcio.

Ho intrapreso poi varie specializzazioni che mi hanno permesso di entrare in contatto con la conoscenza del corpo umano e quindi di ampliare le mie esperienze.

L’entusiasmo, la curiosità, gli studi e la passione mi hanno portato infine a dedicarmi in particolar modo alla sfera ginecologica e pediatrica.

Che cosa cura l’osteopatia in generale?

“Disturbi al sistema muscolo-scheletrico, quali cervicalgie, dorsalgie, lombalgie, dolori vertebrali, articolari, costali e intercostali, dolori da traumi sportivi o incidenti stradali, ernie discali, colpi di frusta, dolori artritici, tendiniti, contratture, scoliosi, iperlordosi, ipercifosi, artrosi, problemi posturali.

Disturbi al sistema digestivo, quali acidità gastrica, ernia iatale, colite, stipsi.


Disturbi al sistema genito-urinario, quali amenorrea, sindrome post-partum, dolori mestruali.


Disturbi al sistema neurologico e neurovegetativo, quali irritabilità disturbi del sonno, nevralgie.


Disturbi al sistema circolatorio, quali problemi circolatori agli arti, congestioni venose o linfatiche.


Disturbi relativi a Orl (otorinolaringoiatria), quali rinite, sinusite cronica, vertigini, problemi di deglutizione.


Asma, sindrome del tunnel carpale, otiti, emicranie, cefalee”.

E per quanto riguarda bambini, donne incinte, sportivi?

“Tra i più comuni traumi da parto, che si verificano nelle prime settimane di vita del bambino, vi sono: plagiocefalia, torcicollo miogeno, rigurgiti e reflusso gastroesofageo, stitichezza, coliche gassose, scoliosi, malocclusioni, difficoltà a prender sonno, otiti o sinusiti ricorrenti.

Per quanto riguarda gli sportivi, l’osteopata può essere un valido supporto allo sportivo dilettante e professionista sia per la prevenzione degli infortuni sia per l’ottimizzazione della prestazione.

Se le nostre strutture non vengono riportate a un corretto equilibrio, possono andare incontro a una degenerazione dei tessuti che si indeboliscono e ci predispongono a infiammazioni o lesioni, anche in zone distanti dall’insorgenza del problema.

Quando si parla di donne in stato interessante, va ricordato che la gravidanza produce un cambiamento posturale e funzionale nel corpo femminile e può comportare malesseri legati alla progressiva crescita del bambino, che provoca lo spostamento del centro di gravità e continue modifiche strutturali e viscerali.

Non è semplice per il sistema posturale adattarsi in modo adeguato.


L’osteopatia affronta le problematiche dolorose a carico della colonna vertebrale e della relativa muscolatura, quali lombalgia, sciatalgia, cervicalgia, disturbi legati alla ritenzione dei liquidi.

Tra le altre difficoltà che possono insorgere vi sono problemi digestivi, dolori lombari e inguinali, cefalee, problemi circolatori.

Il percorso osteopatico durante la gravidanza inoltre favorisce l’elasticità tissutale e la mobilità articolare, facilitando sia il travaglio che la fase espulsiva, normalizzando la tensioni dei muscoli pelvici e dei muscoli addominali messi a dura prova dalla crescita della pancia”.

Che cosa cura l’osteopatia per le persone anziane?

“Nel corso degli ultimi decenni abbiamo assistito ad un allungamento notevole dell’età media delle persone e della durata della vita. Nell’ottica di un miglioramento della sua qualità negli anziani, fondamentale è l’attenzione al sistema muscolo-scheletrico.

L’osteopatia offre un valido supporto che aiuta l’anziano ad affrontare problemi posturali, alleviando così la sintomatologia dolorosa legata alle patologie della terza età”.

In questi anni in molti si sono avvicinati a questa professione. Quali sono i suoi punti di forza rispetto alla concorrenza?

“Non parlerei di concorrenza: ognuno conosce se stesso. Preferisco parlare di me senza pormi il problema del giudizio altrui, in particolare dei colleghi.

Non mi sento mai arrivato e quindi sono sempre pronto a nuove aperture.

Ai miei pazienti assicuro competenza, rispetto, amore e passione”.

Ringraziamo il dottor Patalano per le risposte esaurienti e appassionate e ti invitiamo a contattarlo se risiedi o ti trovi in provincia di Firenze, per usufruire del suo servizio di Osteopata.

Contatta il nostro partner della settimana!

Cerchi un’azienda d’eccellenza? Con SmanApp… chi cerca trova!

Se ti è piaciuto, condividilo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *