Come entrare nel Guinness dei Primati

Il celebre libro dei record offre grandi possibilità agli atleti molto dotati, ma non solo. Anche i meno bravi ma molto creativi hanno qualche chance!

Fare il record mondiale in una maratona probabilmente non mi riuscirà mai. Non ho l’età, non ho la forma fisica, eccetera, eccetera.

Posso sognarlo, al limite. Anzi, nemmeno. Troppo faticoso.

Magari però c’è qualche altro record che tutto sommato potrei riuscire a battere, pur non essendo un grande atleta.

Anzi, pur non essendo un atleta del tutto.

Primati per tutti i gusti

Dopo attenta riflessione, infatti, ho capito il trucco dietro molti dei record del famigerato “Guinness dei primati”

Certo, ci sono un sacco di primati davvero difficili da emulare… ma per fortuna esiste una particolare categoria dello spirito che ci permette di ambire facilmente a qualche record mondiale.

Sono, per farla breve, i record assurdi. Anche per gli amanti del running ce ne sono a iosa.

Per esempio, esiste uno splendido record che magari è possibile battere: la maratona più veloce vestito da crostaceo.

O anche la maratona corsa più velocemente da una donna travestita da bottiglia.

Spazio alla fantasia

Possiamo decidere liberamente se sfidare questi bizzarri atleti al loro stesso gioco o inventarcene uno nostro… per esempio la maratona più veloce vestito da polpo giallo a pallini blu.

Dovrebbe garantirci il primo posto assoluto senza grossi problemi, almeno per un po’.

Alcuni record del Guinness non prevedono nemmeno di finirla, la maratona.

Basta partecipare, per esempio, indossando la sciarpa più lunga mai vista in una gara del genere. Non scherzo, è successo.

A ognuno il suo record

Altre imprese sono francamente complesse da raggiungere, come il maggior numero di maratone corse in un anno (c’è un tizio che ne ha totalizzate 239. Ragazzo, fatti una vita!) o il record di velocità raggiunto in orbita, un po’ difficile da battere per chi non ha la possibilità di orbitare.

L’importante, con i record del Guinness dei Primati, è che siano misurabili, basati su una sola variabile, verificabili e superabili.

I record legati al running, nel ponderoso libro dei primati, sono tantissimi, ma siamo fiduciosi nella vostra inventiva.

Consultate il volume, cercate di trovare qualcosa che ancora non c’è… ed è fatta!

Io, per dire, stavo pensando di battere il record dei 100 metri piani vestito da pinguino su una poltrona a rotelle. Che dite, ce la farò?

Ma soprattutto: lo avranno già fatto?

Fonte d’ispirazione e riferimento qui

Mentre vi allenate per il vostro nuovo record, ricordatevi di attivare SmanApp: oltre a monitorare i tempi della vostra performance, segnalerete la vostra presenza in strada agli automobilisti, per evitare distrazioni e incidenti.

SmanApp: la sicurezza a portata di click!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *