12 PAROLE E FRASI CHE MI SFORZO DI NON DIRE A MIO FIGLIO

valentina_tondaNei momenti di rabbia e frustrazione, abbiamo la tendenza a dire cose sbagliate ai nostri  figli, senza pensare alle conseguenze.
Con i bambini, parlare dovrebbe essere semplice e spontaneo. I bambini ascoltano, sono curiosi, domandano, chiacchierano. Chi mi conosce sa che cerco di fare buon uso di questa possibilità e incoraggio sempre il mio piccolo ometto a continuare.
Seguo i suoi discorsi con interesse, mi divertono i suoi tentativi di raccontare una storia, cerco di non correggere i suoi tentativi zoppicanti:  mi accorgo che cerca la nostra approvazione. E tutte le volte vedo aumentare la sua autostima e sicurezza. Consapevole anche di un mio percorso formativo,  ho deciso di sforzarmi di non utilizzare queste parole con mio figlio per aiutarlo a crescere sicuro e consapevole.

1  “TE LO FACCIO IO”

Ci viene spontaneo e naturale voler aiutare il nostro bambino in un progetto, la conseguenza e che lui non imparerà mai (e li passerà anche la voglia). Provate a farlo sbagliare.

“NON PIANGERE”

I bambini dovrebbero sentirsi al sicuro quando si tratta di esprimere le loro emozioni. Chiedere ai nostri figli di non  versare una lacrima,  implica che ci sia qualcosa che non va, quando è del tutto normale.

“PERCHÉ NON TI COMPORTI COME ___?”

Far sentire un bambino peggiore o inferiore ad un amichetto o un fratello?! Che ne dite di congratularci con loro dei loro punti di forza.

“SEI SICURO DI VOLER MANGIARE QUELLO?”

Ci sono modi migliori per parlare con i nostri bambini di mangiare senza farlo passare come un giudizio. La scelta delle parole crea la differenza per il suo futuro nelle scelte alimentari.

5 “ASPETTA CHE TORNI TUO PADRE”

Ci sono due cose sbagliate in questa affermazione.  Uno, fa sembrare che saranno puniti più tardi, quindi posso combinarne altre. Due, implica che non abbiamo il controllo della situazione.

“STAI BENE … LO VEDI CHE NON E’ NIENTE DI GRAVE”

Per noi, un piccolo graffio non è un grosso problema, ma per un bambino, può essere l’esperienza più dolorosa del mondo. Semplicemente tenere di conto il loro graffietto senza renderlo l’affare più grande di quello che è. Rassicurarlo. 

“PROMETTO”

Quando non manteniamo una promessa al nostro bambino, creiamo dei problemi di fiducia. Io di solito utilizzo la parola “Ci proverò”, quando si tratta di grande decisioni.

“QUELLO ___ E’ UN IDIOTA”

Dato che non voglio assolutamente che Dave chiami i suoi coetanei idioti, cerco di non usare mai questa parola.

“NON C’è NESSUN MOTIVO PER IL QUALE DEVI AVER PAURA”

Questa frase, non farà scomparire la sua paura per magia.  Di solito provo a parlare di cosa ha paura e cerco di aiutarlo a capire.

10 “IO TI ODIO”

Ad un certo punto, il tuo bambino ti dirà ti odio. Credimi succede con tua grande meraviglia.  Piuttosto che abbassarsi ai loro livelli (sì, alcuni genitori fanno questo), è sufficiente dire che lo ami comunque.

11 “PERCHÉ LO DICO IO”

Questo è uno cliché che abbiamo bisogno di seppellire, e per buone ragioni. Senza una spiegazione, il bambino non vede alcuna ragione per smettere di fare quello che sta facendo. 

12 “ZITTO”

Ad essere onesta trovo che usare questa parola… è da maleducati. Non insegna niente a noi e tanto meno ai nostri bambini.
Voi cosa ne pensate?

 


 

Segui la Sfida Di Va…lentina Slow Run Mum

 
 
 
 
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *